Un pezzo scritto da Nessuno

Sono contento che la voglia di condividere i propri pensieri più intimi stia prendendo piede e che siano sempre di più coloro che mi mandano i loro scritti. Il prossimo pezzo, scritto dal terzo ospite, sembra essere di Nessuno, con lo pseudonimo del protagonista di Mr.Nobody, chissà da quale delle sue realtà ci manda questo frammento Nemo.

Ululati di vento nella notte, è il cielo, 
Che urla a squarciagola la sua pena, afflitto da un cancro nero. 
E piove. 
Una mistura di lacrime e sangue 
che al suolo si addensa come melma dall'odore nauseante. 
Schiere di ossute, fragili animi sotto ombrelli di nylon spinte immobili dal vento,
Sento il lamento dei vivi morti che riverbera e smuove la terra, soffocata. 

Al suolo un'orda di dannati a succhiare quel liquido beati, 
Poveri illusi! 
Convinti di trarne nutrimento, destinati all'oblio del sentimento. 
E intanto il vecchio saggio, svelato il più antico inganno, 
guarda indefferente la scena commovente, 
Un raggio di sole all'improvviso bacia la sua pelle e si addormenta sorridente. 

Pavimento freddo come il ghiaccio, una sagoma nera davanti la finestra, 
Sigaretta accesa mente spenta. 
Il suo riflesso in una pozza di benzina, distorto eppure così reale. 
Si dice, basta non pensare. 
E intanto s'è spenta un'altra sigaretta

Nemo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...